×

Da domenica 29 ottobre 2017 il Comune di Ostana ha cambiato la sua veste online. Il nuovo sito (www.comune.ostana.cn.it), pensato per essere accessibile da smartphone e tablet oltre che da PC, rispetta tutti i requisiti richiesti per le Pubbliche Amministrazioni e porta in primo piano i servizi dedicati ai cittadini.

Leggi il comunicato stampa [PDF]

Al piccolo Comune di Ostana è andata  la menzione speciale del Ministero dei Beni Culturali in sede di esame delle candidature italiane al “Premio Paesaggio” indetto dal Consiglio d’Europa. A vagliare le ben 97 candidature ritenute ammissibili è stata una commissione tecnica presieduta da Fabio De Chirico e composta da personalità di rilievo nel settore della cultura e del paesaggio.

MIBACT Premio "Menzione Europa"

Leggi il comunicato stampa [PDF]

Sabato 20 maggio a Ostana si parlerà della “stagione dei monvimenti”.  Al centro dell’attenzione gli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso, segnati dal conflitto sociale e al tempo stesso anticamera della società di massa; non solo in senso strettamente economico-sociale, ma anche a livello di diritti, individuali e collettivi.

Leggi il comunicato stampa [PDF]

Meteorologo, divulgatore scientifico e climatologo di fama,  Mercalli è l’emblema di uno stile di vita attento all’ambiente, che guarda alle responsabilità individuali e all’impronta ecologica dei singoli.
Che cosa possiamo fare, nella nostra quotidianità, per rispettare l’ambiente?

Leggi il comunicato stampa [PDF]

La storia come la sappiamo rischia deformazioni e dimenticanze. Questa semplice considerazione ha spinto gli organizzatori della Scuola di Politica di Ostana ad inserire un modulo di storia, per fornire agli iscritti un inquadramento di base sulla storia degli ultimi due secoli.

Leggi comunicato stampa [PDF]

La Costituzione italiana il tema centrale dell’incontro: la più bella del mondo, secondo alcuni; obsoleta e troppo rigida secondo altri. Fassone è autore de “La Costituzione amica” (2012) edito da Garzanti, ed esperto conoscitore della materia: magistrato di Cassazione, è stato presidente di Corte d’Assise e Senatore della Repubblica per due mandati.

Leggi il comunicato stampa [PDF]

Negli oltre trent’anni di lavoro nel settore finanziario, il relatore ha potuto osservare da vicino l’ascesa al potere della finanza: “Nel corso degli ultimi decenni il mercato finanziario si è letteralmente imposto”. Arfaras  introduce il tema della lezione, che vuole essere anche stimolo per la riflessione e il dibattito:  “Non che in passato non ci fosse la finanza, semplicemente era poco sviluppata. Le azioni esistevano, il debito pubblico pure, i cambi variavano, ma non si trattava di fenomeni pervasivi e veloci. Oggi questo mercato è in crisi e per i non specialisti orientarsi è difficile”.

Leggi il comunicato stampa [PDF]

Venerdì 3 marzo sono stati resi noti i 30 progetti finalisti del prestigioso Premio internazionale “Constructive Alps”, il più importante dei riconoscimenti sull’architettura alpina sostenibile, giunto alla quarta edizione. Nel ventaglio dei finalisti, scelti tra più di 260 progetti presentati, prevalgono i progetti realizzati in Svizzera e Austria; soltanto tre i finalisti italiani.

Leggi il comunicato stampa [PDF]

Un grande affresco del Novecento in alta quota, un secolo denso di eventi e sperimentazioni ma segnato da due dinamiche fondamentali: da un lato, l’esplosione del turismo; dall’altro, il dramma dello spopolamento.  Dinamiche che giungono alle estreme conseguenze nella seconda parte degli anni Settanta, segnando una profonda  crisi dei modelli e la necessità di elaborare soluzioni nuove, che diano maggiore attenzione al carattere più autentico della montagna, all’ambiente e a chi la vive.

Leggi il comunicato stampa [PDF]

OSTANA, Centro Culturale Lou Portoun, sabato 25 febbraio dalle ore 9,00

Il ritorno del lupo nelle Alpi ed il suo impatto sulle attività pastorali ha generato, negli ultimi anni, un acceso dibattito, con la delineazione di due correnti di pensiero contrapposte: da una parte chi ritiene che il lupo vada protetto in modo assoluto, dall’altra chi sostiene che la sua presenza vada cancellata a causa delle ripercussioni sulle attività di allevamento in montagna.

Leggi il comunicato stampa [PDF]